Luca Oberti, astro nascente, ha uno stile molto innovativo e spontaneo e una grande abilità nel gestire la tensione del discorso musicale… Luca Oberti, ricordate questo nome.
Marnix Bilderbeek, Luister Magazine

Luca Oberti (1982) inizia l’attività di direttore d’orchestra all’apice di una intensa carriera come clavicembalista e organista che lo ha portato a suonare con i più importanti ensembles di musica antica al mondo, in particolare con Les Musiciens du Louvre, di cui è stato a lungo solista e continuista, esibendosi nelle più importanti sale (Teatro alla Scala, Concertgebouw Amsterdam, Elbphilarmonie Hamburg, Philarmonie de Paris, Salzburger Festspiele, Alte Oper Frankfurt, Staatsoper Wien, Opéra National de Bordeaux, ecc.).

Riconosciuto dalla critica come uno dei più autorevoli interpreti mozartiani, Luca Oberti sviluppa una grande esperienza anche nel mondo dell’opera collaborando regolarmente come assistente direttore e maestro al cembalo con i principali teatri europei (Teatro alla Scala, Teatro La Fenice, Staatsoper Wien, Opéra de Paris, La Monnaie Bruxelles, Theatre du Capitole Toulouse, Theater an der Wien, ecc.).

Allievo per la direzione d’orchestra di Donato Renzetti, Luca Oberti ha studiato clavicembalo con Emilia Fadini, Christophe Rousset e Pierre Hantaï.

Le interpretazioni di Luca Oberti si contraddistinguono per un’approccio storicamente informato che non si limita al repertorio barocco e classico, ma che si estende anche alla musica del Novecento e all’opera italiana, che dirige con la stesso obiettivo di mettere al centro dell’attenzione il messaggio del compositore, rendendolo il più possibile libero dalle alterazioni e distorsioni accumulatesi nel tempo.

Come direttore ha inciso nel 2019 per la rivista Amadeus un cd dedicato ai mottetti di Vivaldi scritti “per la Sig.ra Geltruda”, con il contralto Alessandra Visentin e l’Ensemble Locatelli.
Ha inoltre registrato due CD solistici, uno dedicato alle opere per clavicembalo di L. Marchand e L.N. Clérambault, (Stradivarius 2015), nominato per il “Preis der Deutschen Schallplattenkritik”, e uno dedicato a Bach (Arcana 2018), premiato con 5 stelle dalla rivista tedesca “Fono Forum”. Luca Oberti collaborato poi in numerose incisioni per Warner, Erato, Glossa ed Enchiriadis oltre che per le principali radio e televisioni europee (BBC, ORF, RAI, Mezzo, Arte, …).

English        Français        Press kit